L’impegno del FAI a difesa dell’eredità culturale italiana

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) cerca dal 1975 di trovare fondi per restaurare, gestire e valorizzare il patrimonio italiano “salvando” beni che altrimenti rischierebbero di andare in decadimento in maniera definitiva. 

 Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI

Giulia Maria Crespi nasce in provincia di Lecco, nel 1923, in una famiglia alto-borghese che gestisce il noto quotidiano “Corriere della Sera”. Ha uno spiccato interesse e amore per l’arte e l’ambiente che le viene trasmesso dalla famiglia.

Giulia Maria Crespi considera “la cura e la salute della Terra come fondamento per la salute dell’ Uomo”, impegnandosi strenuamente per un’agricoltura senza veleni.

E’ infatti tra i fondatori dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica che viene applicata nella sua azienda.

FAI, Fondo Ambiente Italiano
La Chiesa di San Francesco dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale

La fondazione del FAI

Giulia Maria Crespi inizia a nutrire un amore profondo e smisurato per la Sardegna e per la sua natura selvaggia. Ciò la porta nel 1975 a fondare il FAI assieme a Renato Bazzoni.

Dona personalmente all’organizzazione una somma di 500.000.000£  e anche il “Monastero romano-longobardo” di Torba, Varese.

Che cos’è il FAI? 

“Dobbiamo salvare la bellezza italiana, non solo qualche bosco!”

La struttura del FAI segue la struttura del National Trust britannico; un’organizzazione  privata che si occupa di preservare e restaurare beni materiali, ambientali e culturali.

La struttura del FAI

La struttura del Fondo Ambiente Italiano è molto estesa sul territorio. Ci sono infatti 

  • 19 Direzioni Regionali
  • 128 Delegazioni
  • 101 Gruppi FAI 
  • 96 Gruppi FAI Giovani
  • 4 Gruppi FAI ponte fra culture

Il Fai conta 61 beni, tra cui palazzi, monasteri, torri ma anche tratti di costa e boschi. 30 di questi beni sono aperti al pubblico.

FAI, Fondo Ambiente Italiano
La Chiesa di San Francesco usata come arsenale

Ad oggi il FAI conta 210.000 iscritti, 500 aziende sostenitrici e 7800 volontari.

TI è venuta voglia di regalare per Natale un’iscrizione al FAI?

L’iscrizione al FAI può essere effettuata online ma anche nei beni del FAI, con un contributo annuale che parte dai 20€ per i giovani fino ai 25 anni; interessante anche la proposta per le coppie, 60€, o per le famiglie con 2 figli a 66€.

L’iscrizione dura un anno dal momento in cui viene effettuata e dà diritto ad entrare gratuitamente in tutti i beni del FAI.

Ci siamo iscritti al FAI al termine della visita di Casa Noha a Matera, una visita che ci ha emozionato e ci ha fatto comprendere l’importanza della funzione del FAI. 

Al momento dell’iscrizione di hanno restituito i 12€ del costo del biglietto di ingresso.

FAI International

Il FAI International promuove la consapevolezza dello straordinario patrimonio culturale, artistico e paesaggistico italiano. 

Non dimentichiamo che l’Italia era la meta del Grand Tour proprio per l’incredibile bagaglio culturale 

I luoghi del cuore

Ogni due anni il FAI organizza una campagna per censire i luoghi italiani che non devono andare dimenticati, così potranno venire recuperati!

A Mantova il luogo del cuore è la Cappella dei Gonzaga che si trova nella bellissima Chiesa di San Francesco

FAI, Fondo Ambiente Italiano
La Cappella Gonzaga

La cappella esprime il legame fortissimo della famiglia Gonzaga con l’ordine dei francescani.

Questo è il luogo scelto da molti membri della famiglia Gonzaga per il loro riposo eterno.

Gli affreschi che impreziosiscono la Cappella si ispirano alla Passione di Cristo e alle storie di Ludovico da Tolosa.

Questo fa pensare che il committente sia Ludovico I Gonzaga.

Oggi la Cappella necessita di lavori urgenti di ristrutturazione dopo il terremoto del 2012 e per riportare al loro splendore gli affreschi.

FAI, Fondo Ambiente Italiano
Gli affreschi della Cappella Gonzaga

Vuoi partecipare anche tu a “ i luoghi del cuore”?

Hai tempo fino al 15 dicembre per votare la Cappella dei Gonzaga, clicca qui, non serve essere socio FAI!

Lascia un commento